Routine

playa sunset

Before coming to Damanhur, very few routines in my life had survived. I was in a period of demolishing all predictability. Brushing my teeth twice a day, that yes. But, getting dressed in the morning…usually, though not always. I could eat breakfast at 6 am just as likely as 2 pm, not really because of sleeping in late, although that also happened at times, but rather to give the body time to detoxify when it called for it. Loosing myself in the project of the moment and doing nothing else not even sleeping for 36 hours. Not having a cell phone or computer fortropical bells four months while getting lost in the tropical jungle, then resurfacing in Los Angeles and posting tales from the voyage on my blog for three weeks, before selling the MacBook again and using the money to buy the next plane ticket, this time to Istanbul. Falling asleep in one time zone to wake up shifted into one two hours ago. Yes.

Now. If you ask me what I’ll be doing at 5:45 pm on Saturday, November 13, 2012, I can already answer you. Everything meticulously programed and color-coded in iCal, the routines for every day, the weekly ones to do by Friday and those not to be done before Tuesday, bi-monthly, monthly, at the first of the month, by the end of the month, trimestral, semestral, annual, every 15 months, every 18 months, every 2 years, crossed reference with the ones every second Sunday of the golden domemonth, not to be confused with the one every two weeks alternating Wednesday and Thursday and those from 11 to 11:30 Monday and Wednesday the week before the full moon, but not in July.

Daily journal writing, prayers, programming. When my Virgo personality is at the wheel, I can pass the entire day planning to perfection. Although, I find that it’s all useful. I read my journal and I retrace landscapes of memory, the valleys and clouds, little signs that otherwise wouldn’t have left a trace in the mind. That which is renounced with spontaneity returns 10 times over again with directed thought and the force of constancy, steps forward toward the objectives already sketched with dotted lines. With all this structured and programmed living, does synchronicity still work as a vehicle for amazement? Yes, but it’s much more subtle, clandestine, collective. A sea with pulsations and orchestrated rhythms, and in one way or another, the unexpected always finds its way in.

Prima di arrivare a Damanhur, sono sopravvissute poche routine nella mia vita. Ero in un periodo di demolizione delle prevedibilità. Lavarsi i denti due volte al giorno, quello sì. Ma, vestirsi la mattina, di solito sì, qualche volta no… Colazione poteva essere fatta alle 6 della mattina come alle 14, non tanto per dormire fino a tardi, c’era anche quello a volte, ma anche per dare al corpo il giusto tempo depurativo quando lo chiedeva lui. Perdermi nel progetto del momento e fare nient’altro neanche dormire per 36 ore. Succede. Non avere né cellulare né computer per 4 mesi, persa nellemosque blue giungle tropicali, poi riaffacciarsi a Los Angeles e scrivere i racconti del viaggio sul blog per 3 settimane, prima di vendere di nuovo il MacBook e usare i soldi per comprare il prossimo biglietto d’aereo, questa volta per Istanbul. Addormentarmi in un fuso orario per svegliarmi spostata in uno 2 ore prima. Yes.

Adesso. Se mi chiedi cosa faccio alle 17,45 di sabato 13 novembre 2012, posso già risponderti. Tutto programmato meticolosamente e categorizzato a colori nel iCal, le routine di ogni giorno, quelle settimanali da fare entro venerdì, e quelle da fare non prima del martedì. bi-mensile, mensile, al primo del mese, prima di fine mese, trimestrale, semestrale, annuali, ogni 15 mesi, ogni 18 mesi, ogni 2 anni, incrociate con quella di ogni seconda domenica del mese, da non essere confusa con quella ogni 15 giorni in alternanza mercoledì e giovedì, o quelle dalle 11 alle 11,30 lunedì e mercoledì, la settimana prima della luna piena, ma non in luglio.

Diario giornaliero, preghiere, programmazioni. Quando la mia personalità Vergine è alla guida, posso passare il giorno intero pianificando alla perfezione. shower of greenMa trovo che mi serve tutto ciò. Leggo il diario e mi ripercorro paesaggi della memoria, la valle e le nuvole, piccoli segni che altrimenti non avrebbero lasciati traccia nella mente. Cosa rinunciato con la spontaneità torna 10 volte con il pensiero indirizzato ed la forza della coerenza, i passi avanti verso gli obiettivi già disegnati a linea tratteggiata. Con tutta questa vita strutturata-programmata, funziona ancora la sincronicità come portatrice di stupore? Sì ma è molto più sottile, clandestina, collettiva. Un mare con pulsazioni e ritmi orchestrati, e in qualche modo, inaspettata trova sempre la sua strada per entrare.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s