birth: creation, autonomy, self-destruction and Renaissance

bird_roughBirth. the birth of anything, a divinity, a child, a fire, a love, from seed to flower, from an ingenious idea channeled in the night, feverish and awake until dawn, to its completion, the fatigue repaid three times over again by the joy and satisfaction in materializing something… it is always an act of trust. a letting go.

once alive, the creation takes the reigns of its own life. it can gallop, run like a wild horse, fly like a phosphorescent pegasus, sing in every color and form… or burn out and destroy itself, not in the flames of passion and excess which would still be a spark of vitality — even if intensely brief like those that shoot from the bonfire, launching themselves toward the stars, pretending to be shooting stars before darkening into ashes escaped in the wind — but the most destructive destruction is the one that doesn’t dare to fly, dance, not even walk. shut in darkness and silence, in the shadows of inflated fears and ghosts of regret. an illness that I can only heal myself. rebirth. Renaissance. infusion of courage in the blood and pills of artistic impulse coursing through the lines and veins.

life is gifted only once, then it is regained with every breath, movement and creative act.

la Nascita. la nascita di qualsiasi cosa, divinità, bambina, fuoco, amore, dal seme un fiore, dall’idea geniale canalizzata di notte, febbrile e sveglia fino all’alba, alla compiutezza, la stanchezza ripagata tre volte dalla gioia e soddisfazione nella materializzazione… è sempre un atto di fiducia. un lasciarsi andare.

una volta viva, la creazione prende i redini della sua vita. può galoppare, correre come un cavallo selvaggio, volare come un pegaso fosforescente, cantare in ogni colore e forma… o spegnersi, auto-distruggersi, non nelle fiamme di passione ed eccesso che sarebbe ancora una scintilla di vitalità — anche se intensamente breve come quelle che partano dalla pira lanciandosi verso le stelle, facendo finta di essere stelle cadenti prima di oscurarsi in ceneri scappate nel vento — ma la distruzione più distruttiva è quella che non osa volare, danzare, nemmeno camminare, rimane chiusa nel buio e silenzio, nelle ombre di paure gonfiate e fantasmi di rimorso. una malattia che si può guarire soltanto se stessa. rinascita. Rinascimento. infusione di coraggio nel sangue e pillole d’impulso artistico scorrendo attraverso le linee e vene.

la vita è regalata solo una volta, poi è conquistata con ogni respiro, movimento, atto creativo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s