Fire of love in the direction of the heart

At Damanhur every year at the end of December, we gather at the spiral in Damjl and hold a ritual bonfire to celebrate the Nativity (birth of the divinities) and the beginning of the Epagomenoi days. The qualities and behavior of the fire can give synchronic indications for the present moment and future events. The pyre is built up with very long, thin wood trunks and branches so that at a certain point, it collapses and falls in a certain direction, which can also be meaningful. The Sages light the fire, the King and Queen Guides are present and the Sacred Dancers are in a circle at the perimeter of the spiral, dancing prayers in unison.

fire - 1Last year, the Nativity pyre fell toward me while I was dancing. I was standing at North, just to the right of the entrance to the spiral. With my survival instincts intact, I stopped dancing and jumped a little to the left to get out of the way as it fell, though the flaming wood touched the earth without reaching me. I felt a little silly for being scared. I understood that whoever builds the pyre takes accurate measurements of the wood, so it falls without hitting anyone, neither the Sages nor the Guides, Sacred Dancers or spectators.

At this year’s Nativity fire which was held last Monday evening, we were practicing beforehand and one of the Sacred Dancers half jokingly said she was afraid it would fall on us, and I said, “Oh that’s not going to happen! Someone measures the wood and it stays inside the spiral without reaching us when it falls. I learned this last year.”

The community gathered around and the Nativity pyre was lit. It burned and grew and then… it fell in my direction (South-West). This time though, I completed the Sacred Dance movement I was doing (Damjl – capital or #1 city) without jumping aside. I was standing there watching the fire fall toward me, feeling emotion and intensity, though also a kind of tranquility, without any fear. For me, this was an indication that there had been an evolution in trusting others, in the Popolo, in the divine, in the fire itself, and there was a capacity to stay centered in this trust even in moments of apparent danger.

Some people tend to comment on the Nativity fire and other rituals like it, sharing their interpretations and readings, though this is the first time I am doing so. I don’t feel very skilled in reading signs of this kind on a big, public scale. I usually do better with more intimate and individual divinations. Although seeing as how the fire keeps falling toward me, maybe it’s not just by chance. So, I’ll also share the personal divination reading I did.

fire - 2Before the lighting of the fire, I instinctively established a code:
If the fire were to fall toward me, it means that the most important thing to focus on during the coming year is the world of the heart (which means relationships with those around me, communication, connection, unity)
If the fire were to fall away from me, it means that the most important thing to focus on is the mission of Damanhur through work and projects, within Damanhur.
If it were to fall to the left, the most important thing would be Damanhur mission, work and projects, outside of Damanhur and abroad.
And if it were to fall to the right, it means that all three of these realms are equally important.

The fire fell toward me, so my reading of it is: for me, and maybe beyond me as well, the essential thing is love. Loving each other, living in connection, really knowing each other deeply and authentically. Understanding through the heart, beyond the mind. Making an effort to connect on a soul level and learning something from others every day. This is the simple essence of what will bring about solutions and success in all spheres of life.

A Damanhur ogni anno a fine dicembre, ci avviciniamo alla spirale di Damjl per una pira, per celebrare la Natività (nascita delle divinità) e l’inizio dei giorni Epagomenoi. Le qualità e comportamenti del fuoco possono dare indicazioni sincronici per il momento e eventi futuri…

La pira è costruita con tronchi e rami lunghissimi e sottili e ad un certo punto, cade in una certa direzione che potrebbe anche dare un significato. I Saggi accendono il fuoco, i Re Guide sono presenti, i danzatori sacri sono al perimetro della spirale danzando preghiere in unisono.

L’anno scorso, la pira della Natività è caduta verso di me mentre danzavo, ero posizionata a nord, a destra dell’entrata della spirale, e con l’istinto di sopravvivenza attivo, ho smesso di danzare e ho fatto un piccolo salto a sinistra per evitarla mentre cadeva, ma la legna infuocata ha toccata terra senza raggiungermi. Mi sentivo un po’ ridicola per aver avuto paura. E ho capito che chi costruisce la pira prende bene le misure della legna, così c’è la sicurezza che cade senza colpire nessuno, Guide, Saggi, danzatori o spettatori.

Alla pira della Natività di quest’anno, che abbiamo fatta lunedì sera, prima dell’accensione durante le prove, stavamo scherzando e una danzatrice diceva di aver timore di questa possibilità (che la pira ci cadesse sopra), e ho detto: “Non è possibile! Qualcuno prende le misure. Cade dentro la spirale senza raggiungerci… questo l’ho imparato dall’anno scorso”.

La comunità è venuta attorno alla pira ed è stata asceso. Si è incendiata, crescendo, e poi è caduta nella mia direzione – verso sud ovest. Questa volta però, ho completato il passo di Danza Sacra che stavo facendo (Damjl – capitale o prima città) senza spostarmi, stavo lì ferma guardando il fuoco che scendeva verso di me, sentendo emozione e intensità, ma anche tranquillità, niente timore. Questo per me aveva il significato di aver imparato ad affidarmi agli altri, al Popolo, alle Forze, al fuoco stesso, per mantenere una centratura in questa fiducia anche nei momenti di apparente pericolo.

Alcune persone hanno la tendenza di commentare della pira della Natività ed altri riti simili, condividendo interpretazioni e letture, ma questa è la prima volta che lo faccio. Non mi sento dotata a leggere i segni in questa scala ampia e pubblica: di solito faccio meglio con le mantiche più intime ed individuali. Ma visto che c’è stata questa ricorrenza del fuoco che cade verso di me, forse non è a caso. Quindi condivido anche la mantica personale che ho fatto.

Prima dell’accensione, ho istintivamente stabilito un codice:
Se la pira fosse caduta verso di me, la cosa più importante per l’anno a venire sarebbe stata il focalizzare sulla sfera intima (significa relazioni con gli altri, comunicazione, connessione, unità)
Mentre se fosse caduta nella direzione opposta, la cosa più importante sarebbe stata la missione (lavoro, progetti) dentro Damanhur.
Se fosse caduta verso sinistra, la cosa più importante sarebbe stata la missione, lavoro, progetti, per Damanhur, ma volti fuori, all’estero ecc.
E se fosse caduta a destra, tutti e tre queste sfere sarebbero state ugualmente importanti.

E’ caduta verso di me, quindi la lettura è: per me, e forse anche oltre me, la cosa essenziale è l’amore e il volersi bene, vivere in connessione, conoscerci veramente, capirci con il cuore oltre che con la mente. Fare uno sforzo per collegarci a livello di anima e imparare qualcosa dagli altri, ogni giorno. E’ semplicemente questo che ci porterà soluzioni e successo in tutte le sfere.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s